Catanzaro, Fismu proclama lo sciopero dei medici penitenziari

  • 19 Gennaio 2023
  • 0
  • 220 Visite

CATANZARO, FISMU PROCLAMA LO SCIOPERO DEI MEDICI PENITENZIARI: 

NEL CARCERE SITUAZIONE INSOSTENIBILE, POCO PERSONALE MEDICO, DOPPI TURNI, E RITARDI NEI PAGAMENTI

 

18 gennaio – Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti- Fismu ha ripetutamente segnalato le gravi condizioni di lavoro in cui operano i medici presso il carcere di Catanzaro. A dicembre è stato proclamato lo stato di agitazione, ma senza nessun riscontro adeguato, ed è per questa ragione che per Fismu, “il vaso è da considerarsi ormai pieno” e annuncia “lo sciopero per la tutela dei diritti dei professionisti sanitari che operano in questo istituto penitenziario”. 

 

Francesco Esposito, Segretario Nazionale Fismu, spiega la situazione: “I professionisti della medicina penitenziaria hanno un rapporto di lavoro disciplinato dal vigente Accordo Collettivo nazionale per la Medicina Generale che non viene rispettato, lamentano la carenza di personale medico all’interno della struttura carceraria con notevole appesantimento dei turni lavorativi; e spesso sono chiamati a supplire la mancanza di specialisti con compiti impropri. Ma non basta: altra nota dolente è il pagamento degli emolumenti dovuti e ancora non erogati”.

 

“Nonostante siano state intraprese numerose iniziative con relative promesse di intervenire – aggiunge il segretario nazional Fismu – l’ASP di Catanzaro continua ad ignorare la problematica. La situazione lavorativa all’interno della struttura carceraria è oramai ai limiti dell’insostenibilità”.  

Fismu ha proclamato a dicembre lo stato di agitazione ma ad oggi nessun reale riscontro è arrivato dalle istituzioni interessate: “Il vaso è pieno – conclude Esposito-  e non rimane che lo sciopero per la tutela dei diritti dei professionisti sanitari degli istituti penitenziari, non rimane che andare a una ferma protesta”.