Sicilia, i medici del 118 in tribunale chiedono giustizia: compensi e contratti fermi da 14 anni, e il premio covid della Regione mai corrisposto

  • 8 Ottobre 2021
  • 0
  • 114 Visite

SICILIA, I MEDICI DEL 118 IN TRIBUNALE CHIEDONO GIUSTIZIA: COMPENSI E CONTRATTI FERMI DA 14 ANNI, E IL PREMIO COVID DELLA REGIONE MAI CORRISPOSTO

 

EMANUELE COSENTINO, RESP. NAZIONALE DI FEDERAZIONE ITALIANA SINDACALE MEDICINA UNITI-FISMU: “EROI SUI GIORNALI, MA TRATTATI COME MEDICI DI SERIE B. IL RICORSO AL TRIBUNALE DEL LAVORO UNICA STRADA: LA REGIONE NON DIALOGA” 

 

 

8 ottobre – Rabbia e disagio, in Sicilia, per una situazione gravissima per le condizioni di lavoro dei medici del 118: per i compensi, gli accordi di lavoro, il premio Covid19. La Regione non dialoga e 46 medici non hanno avuto altra scelta che ricorrere alla Giustizia. A sostegno sindacale e legale di questa iniziativa è intervenuta Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu con il responsabile nazionale dell’area convenzionata dell’emergenza-urgenza, Emanuele Cosentino.

 

“I fatti sono semplici e di una enorme gravità – spiega Cosentino – gli accordi regionali di lavoro dei medici del 118 convenzionati in Sicilia non si rinnovano da 14 anni e i compensi quindi, pure, sono bloccati, contrariamente a quanto avvenuto per altre figure mediche impegnate, anche in parte, nell’Emergenza sanitaria territoriale-118. Il cosiddetto premio Covid19, l’incentivo per gli ‘eroi’ dell’emergenza sanitaria, la Regione non lo ha mai corrisposto a questi professionisti, anche se lo ha annunciato in pompa magna, e nonostante fosse stata approvata un’apposita norma di legge dall’Assemblea regionale siciliana, inserita nella legge finanziaria regionale del 2020. Forse perché siamo medici di serie B, anche se da un anno e mezzo, e ancora oggi,  siamo i primi ad arrivare con le ambulanze a assistere e soccorrere i cittadini”.

 

L’Accordo Integrativo Regionale ( AIR)  – per l’area dell’Emergenza Sanitaria Territoriale della Regione Sicilia – spiega il dirigente Fismu  – risale infatti all’anno 2007 (decreto 23 febbraio 2007 GURS 14/2007). Da allora nessun ulteriore accordo è intervenuto nonostante le sollecitazioni dei sindacati e non è stato adottato alcun atto provvisorio, mentre il mutato quadro legislativo e contrattuale avrebbe dovuto determinare un adeguamento della normativa contrattuale decentrata riguardante i medici dell’emergenza per la regione Sicilia. L’inadempimento dell’istituzione regionale è evidente”.

 

Mesi di ricerca di un dialogo – conclude Cosentino – ma nessuna risposta: il silenzio. La Regione Sicilia, e l’Assessore Ruggero Razza, hanno snobbato i medici del 118. Non ci resta che chiedere giustizia al Tribunale del Lavoro, al quale in 46 (ma il problema riguarda tutto il settore ) abbiamo presentato un ricorso chiedendo che vengano rispettati i nostri diritti e risarciti nostri danni”