Sicilia, il teatro dell’assurdo sul personale medico e sanitario precario, a scapito del servizio sanitario regionale

  • 21 Marzo 2023
  • 0
  • 204 Visite

SICILIA, IL TEATRO DELL’ASSURDO SUL PERSONALE MEDICO E SANITARIO PRECARIO, A SCAPITO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

 

FEDERAZIONE ITALIANA SINDACALE MEDICI UNITI SCRIVE ALL’ASSESSORE ALLA SALUTE E ALLE AZIENDE OSPEDALIERE: SI STABILIZZINO INTANTO I PROFESSIONISTI CHE NE HANNO DIRITTO, DIVERSAMENTE SI RISCHIA UN ENORME CONTENZIOSO GIUDIZIARIO 

 

 

21 marzo – Stanislao Bentivegna, vice segretario nazionale della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu e Paolo Carollo, segretario regionale Fismu, hanno inviato una lettera all’assessore alla Salute, Giovanna Volo, e ai Commissari delle Aziende Ospedaliere e Sanitarie, chiedendo la stabilizzazione del personale medico e sanitario precario in forza delle leggi vigenti, e contestando le scelte di molte aziende che percorrendo altre strade, rischiano di violare i diritti acquisiti di molte decine di professionisti. Si prospetta, denuncia Fismu, un enorme contenzioso giudiziario. Uno scenario che danneggia il buon funzionamento della già malandata sanità pubblica siciliana.

 

“I fatti – scrivono Bentivegna e Carollo – destano perplessità ed una grande preoccupazione. Fatti che rischiano di compromettere il futuro di decine di professionisti nel SSR, medici, veterinari, dirigenti sanitari nonché personale del comparto che negli ultimi anni, a seguito della epidemia di COVID-2, sono stati reclutati nelle aziende sanitarie e ospedaliere per superare la profonda crisi di sistema che l’epidemia ha provocato”.  

 

“Oggi – spiegano i dirigenti Fismu – nonostante norme, proroghe e circolari sollecitino le aziende sanitarie a ‘stabilizzare’, nei limiti del possibile, questo personale, sembra invece regnare una grande confusione che ne pregiudica il possibile futuro. Le aziende infatti, continuano ad andare in ordine sparso, apparentemente prive di una guida e di indirizzi  certi e, piuttosto che procedere con il logico criterio di stabilizzare prima quanti possono essere stabilizzati e quindi indire i concorsi o proseguire i concorsi già avviati, rimodulando i posti disponibili, continuano le procedure concorsuali come se non dovessero stabilizzare nessuno e senza provvedere alla riduzione dei posti messi a concorso per consentire la stabilizzazione di quanti ne hanno maturato il diritto, avendo essi stessi nei fatti superato una prova concorsuale in forza delle norme vigenti”. 

 

“Se ci sono i posti disponibili – continuano – e la possibilità di indire i concorsi perché si è provvisti di corrispettive risorse finanziarie, non vi è ragione di escludere da questo percorso quanti il concorso lo hanno di fatto già superato a seguito della legge ‘Madia’ e del “milleproroghe”. Così esponendo l’azienda a certi, quanto interminabili, contenziosi tra quanti, pur rivendicando il diritto ad essere stabilizzati, sono costretti a partecipare ai concorsi, e quanti aspirano anch’essi legittimamente a ricoprire i posti messi a concorso. Ma c’è di più. È di questi giorni la notizia che le aziende, piuttosto che proseguire il rapporto di lavoro nelle more della stabilizzazione, stanno procedendo alla risoluzione dello stesso, pur avendo la possibilità di confermare gli incarichi per ulteriori dodici mesi ai sensi del CCNL. È il caso dei tecnici di laboratorio dell’ASP di Catania”. 

 

“Si ritiene – aggiungono Bentivegna e Carollo – che devono anzitutto essere salvaguardati gli ‘interessi’ dei professionisti che partecipano al concorso, piuttosto che quelli di chi ha già maturato un diritto alla stabilizzazione e che rappresenta anche un  patrimonio professionale acquisito in anni di lavoro nell’azienda”.  

 

“La Sicilia ancora una volta scenario del teatro dell’assurdo”, sottolineano i due dirigenti Fismu , che invitano l’Assessore a richiamare i responsabili di questa situazione e così “a ripristinare la sana logica del buon senso nel loro operato”. 

 

“Certi – concludono – che l’Assessore raccoglierà questa segnalazione che esprime il disagio e il malessere di tanti professionisti che in un momento difficile hanno dato molto al Servizio sanitario regionale, restiamo in fiduciosa attesa di un intervento risolutivo”.

           

Fismu chiede quindi all’Assessore Volo che riprenda in mano la regia disponendo:

 

– la sospensione immediata delle procedure di risoluzione dei contratti in essere e la loro proroga  sino alla stabilizzazione degli interessati;

– la ricognizione definitiva dei posti potenzialmente disponibili per la stabilizzazione;

– la rimodulazione dei posti messi a concorso, sottraendo da questi quelli destinati a quanti hanno maturato i requisiti temporali per la stabilizzazione;

– la stabilizzazione di questi ultimi, nei limiti previsti dalla normativa;

– l’espletamento dei concorsi già avviati e di quelli banditi nonché di quelli necessari a completare gli organici, in un momento di particolare sofferenza per la carenza diffusa di personale sanitario.